10 abitudini igieniche che sarebbe meglio modificare

Ci sono delle abitudini igieniche che mettiamo in atto nella vita quotidiana e che non sempre si rivelano adeguate. Vi sveliamo le 10 pratiche più sporche.

da , il

    Quali sono le vostre abitudini igieniche? Magari non ci avete mai riflettuto o non vi è mai passato per la testa di considerare se il vostro modo di badare all’igiene personale sia esatto. Ci sono gesti che compiamo nella vita di ogni giorno. Lo facciamo automaticamente e ci diciamo che sicuramente agiamo in un modo non così errato. Se invece sapessimo quanta sporcizia si nasconde dietro alle nostre pratiche quotidiane! Roba da far uscire di testa. Mettete a tacere le vostre sensazioni di ripugnanza e leggete di che cosa si tratta.

    1. La lavatrice copre il bucato di Escherichia Coli

    Metaforicamente parlando, potremmo dire che siamo tutti un po’ coperti di cacca. Una ricerca condotta dall’Università dell’Arizona è riuscita a scoprire che con un bucato si possono trasmettere 100 milioni di Escherichia Coli in acqua, che poi vengono trasferiti nel successivo lavaggio. Per risolvere il problema, dovremmo lavare la biancheria a 150 gradi ed evitare che resti umida. E’ come se dicessimo di essere pronti a defecare direttamente nella lavatrice, perché di certo non possiamo arrivare a 150 gradi. Siete predisposti ad indossare un po’ di feci?

    2. Il water disperde germi fecali nell’aria

    I germi fecali possono disperdersi nell’aria. Tutta colpa del vostro gabinetto, perché, con una teoria a metà fra scienza e leggenda metropolitana, si racconta che gli scarichi igienici aperti fanno in modo che la materia fecale possa disperdersi nell’aria, ricoprendo ogni cosa, perfino il vostro spazzolino da denti. Se avete intenzione di non abbassare il coperchio del water, provvedete almeno a tenere il vostro spazzolino oltre 6 metri di distanza.

    3. L’ombelico contiene migliaia di batteri

    Vi siete mai lavati accuratamente l’ombelico? Una ricerca che ha preso in considerazione questo aspetto ha trovato nell’ombelico 2.368 specie di batteri in 60 persone. Di questi batteri, 1.458 potrebbero essere del tutto nuovi per la scienza. Avete mai pensato di fare uno scrub dell’ombelico?

    4. Lo shampoo tutti i giorni fa male

    Molti sono soliti fare lo shampoo ogni giorno, come se avessero bisogno di togliere dalla testa chissà quali sporcizie. Un esperto dermatologo della Columbia University ha spiegato che, lavando i capelli ogni giorno, si rimuove il sebo, ma le ghiandole del cuoio capelluto tendono a ricompensare il tutto, producendone ancora di più. I capelli dovrebbero essere lavati soltanto 2 o 3 volte alla settimana e ci si dovrebbe assicurare di utilizzare uno shampoo delicato.

    5. Batteri sulle lenti a contatto

    Molti pensano che sia sufficiente lavare le lenti a contatto con l’acqua del rubinetto. Niente di più sbagliato! Ricordatevi che in questo modo anche le vostre lentine possono diventare veicolo di batteri, in grado di provocare delle gravi infezioni agli occhi. Inoltre ci si dovrebbe assicurare che siano asciutte per bene, perché i germi tendono a proliferare maggiormente sulle superfici bagnate o, comunque, umide.

    6. Cibo caduto sul pavimento: raccoglierlo subito non basta

    Vi è capitato che un po’ di cibo vi cada sul pavimento? Cosa fate in tale situazione? Magari siete tra coloro che vi sbrigate a raccoglierlo, per poi mangiarlo. Sapendo ciò che stiamo per rivelarvi, di certo non lo farete mai più. Con una semplice caduta a terra, il cibo raccoglie il 99% dei germi presenti sul pavimento. Tutto dipende anche dal tipo di pavimento e dal genere di cibi. Da evitare assolutamente gli alimenti caduti sulla moquette o sulle zone umide. Inoltre è stato provato che, se un alimento è molto salato o zuccherato, si riduce la percentuale di germi raccolti.

    7. Gli asciugatori per le mani, diffusori di germi

    Nei bagni pubblici spesso troviamo gli asciugatori per le mani che funzionano ad aria calda. Che pratica inopportuna! Gli esperti raccomandano di rivolgere maggiormente la nostra attenzione agli asciugamani di carta, per non lasciare tracce di germi sulle nostre mani. Se utilizziamo gli asciugatori, è come se le nostre mani diventassero dei veri e propri magneti pronti ad attirare i germi.

    8. Il sapone antibatterico altera i nostri ormoni

    Di solito siamo certi che un sapone antibatterico possa risolvere in profondità il problema dell’igiene delle mani. Tuttavia non è detto che la soluzione trovata sia delle migliori: lo sapevate che il sapone antibatterico può avere come effetto collaterale quello di alterare il nostro stato ormonale? Pensateci la prossima volta, prima di usarlo.

    9. Il lavandino della cucina, la zona più sporca di casa

    Si pensa che la parte più sporca della nostra casa sia il water. In realtà molto probabilmente non tutti sanno una cosa che può essere per certi versi sorprendente: la zona più sporca della nostra abitazione non è il gabinetto, ma il lavandino della cucina. Residui di cibo e stoviglie lasciate in ammollo fanno in modo che proprio il lavabo sia terreno fertile per lo sviluppo di batteri come Escherichia Coli e salmonella.

    10. Attenzione ai detergenti per l’acne

    L’acne è il problema di moltissime persone. Come fare a risolverlo? E’ importante usare i detergenti adatti, in genere quelli consigliati da un medico, in modo che non siano troppo aggressivi e che non contengano alcool. In caso contrario si può avere un effetto peggiore, perché i saponi non adeguati tendono ad essere troppo abrasivi e ad innescare un meccanismo, per cui l’acne, invece di diminuire, aumenta.